• Admin

L’ARPA DI NOÈ





Resapute certe è urmaie che tename grosse guaie, ca del Sacche la uallàta dell`Italia è chiù ‘nquinata… ‘Nce adduvéncene “scienziàte”, guvernante scelleràte, a truvà ‘ne mode serie pe´ resolve ‘sse strauerie, i punisce gli bandite che cuntinuene ‘mpunìte

a ‘nsuzzàrla, sempre pegge, (strafrechènnese la legge) chesta tèra antica i pìa che se chiama Ciuciaria.


`Mprò ‘ne gliume de speranza com’a luce d’ambulanza, o ‘na lampa a ciel serene che culpisce glie terène, s`è appicciate fine, fine, al cunfine ‘che Frentìne: da ca giorne, inaspettàte, glie meracule è arruàte ! Tutte chiare è mo` glie arcane de chi ce po’ da ‘na mane, traghettènnece dafòre da ‘ne mare che se mòre, ‘ddo siéme accom’agliemale al diluvie universale..


Chi ce porta alla salvezza, strapurtènnece a capezza, nen è l‘ arca de Noè bensì l‘ arpa che, ahimè, mesurate è glie valore della ploura suttile (ch’ auléna ‘l cannarìle!) doppe `l fóche traditore che pe` giorne, lente i fisse, sfummecàte è a Mecorìsse. Straurdenaria la scuperta, c`è lasciate a uocca aperta, ca nen sole glie velene so’ calate i so`de mene, ma alla fine glie “faone” bene è fatte a gli pulmone.


Apperciò faciàme festa, de ‘sta storia certe resta, glie migliore ‘nsegnamente: doppe mille patemente, i bucìe de ciocche lente, mo’ sapeme finalmente come falla chiù pulita l`aria bbona, ch’è la vita…

Ma che strunze siéme state a nn’avélle già capite, dunca basta a perde tiembe, gioventù, “fiàte a le trombe!” i appicciàme, lèmme lèmme, fucarizze i cènte fiamme; anze,…sa’ che raccumanne ? Prima della fine d’anne applicàme tutte quante, p’azzerà gli ‘nquinamente, la chiù mieglie soluzzione: né streppaglie né cartone, jame dritte alla questione, dàme foche a…..Frusenone !!!

GS - 27 giugne dumiladieciannove (4 giorne dalla fumata nera…)


0 visualizzazioni

RESTA AGGIORNATO

Inserisci la tua mail

SEGUICI